Assunti a tempo indeterminato: ce la farete con questa gente?

bandi di gara Lolli Old

Ai più potrà sembrare che l’assunzione di un dipendente a tempo indeterminato non c’entri nulla con le ultime notizie, che parlano dell’Aquila e di due imprenditori che festeggiano, ridendo, il terremoto che ha devastato l’Abruzzo. Stesso scenario nel 2017, dopo l’alluvione di Livorno, meno nota ai più, ma pur sempre con 8 vittime al suo attivo.

Il capo della squadra mobile, che ha portato avanti le indagini, ha segnalato queste frasi, sopra e oltre tutte le altre (che possiamo solo immaginare), per sottolineare come gli imprenditori senza alcuno scrupolo potessero trovare un vantaggio anche dalle calamità naturali.

Non è la prima volta che vediamo come, davanti a gare o offerte pubbliche di fondi, un prodotto sia sostituito facilmente con uno simile, ma di costo decisamente inferiore per l’imprenditore che ha vinto l’appalto.

Nel caso in questione si trattava di sale per le strade, che sembra non sia stato nemmeno distribuito, ma vale lo stesso per qualsiasi altra merce.

Davanti a questi “imprenditori” voi, ex quadri e dirigenti con un passato lindo e pulito, con attività sempre tese a salvaguardare la vostra ex azienda (che vi ha comunque sbattuto via in cambio di un paio di stagisti, o addirittura senza nemmeno una sostituzione), pensate davvero di poter far valere la vostra esperienza?

Mentre parlate, durante il tanto agognato colloquio che vi siete battuti per avere, quello che avete davanti sta pensando se possiate essere o meno un ostacolo quando deciderà di sostituire il prodotto dell’appalto vinto con uno simile. Mentre voi vi sforzate di sottolineare i risparmi garantiti alla vostra ex azienda, l’imprenditore che avete davanti penserà se sia meglio prendere un vecchio quadro rimbambito e soprattutto condizionato da vecchie abitidini, o un paio di giovanissimi stagisti che hanno appena lasciato l’università.

Indovinate un po’? Chi sceglieranno?

Non tutte le aziende, ovviamente, e per fortuna, sono in queste condizioni penose. Per questo motivo è bene conoscere quanto più possibile la storia di chi vi invita per un colloquio. Ormai, con il web, non ci sono scuse perchè non sappiate vita, morte e miracoli prima di andare al vostro colloquio.

Se vi trovaste davanti a una azienda che possa aver avuto, o avere in progetto, bandi cui partecipare, fate buon viso a cattivo gioco, sempre che vogliate mettere da parte il vostro onore in cambio di un lavoro. Fate finta di niente, perchè non mi pare molto legale dichiarare candidamente di accettare pratiche illegali.

Dura la vita, no?

P.S.: se siete fra quelli che non trovano corretto questo modo di fare, siete in assoluta buona compagnia. Il risultato però non cambia, nonostante tutti gli sforzi, aziende di questo tipo esistono, e continueranno a esistere fino a quando la Guardia di Finanza e i Magistrati non avranno sufficienti argomenti e strutture per metterli tutti dietro le sbarre di un carcere. Qui non facciamo politica, qui dobbiamo semplicemente dare qualche indicazione per aiutare gli -anta che cercano un lavoro. Saremo comunque felici quando tutta questa feccia sarà eliminata.

Forse potresti leggere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.