Lavori che nessuno vuole fare nel 2018: over 40 troppo schizzinosi?

lavori-stancanti-lolli-old

Uno dei primissimi progetti della nostra associazione di Free Lance e Liberi Professionisti e Micro Imprese, AFLAMI – ASASCA che si prefigge di salvaguardare anche le categorie degli Over 40, a cui nessuno sembra voler dare un’occasione o una speranza, è stato indagare sui lavori che nessuno sembra voler svolgere.
Ogni anno molte delle agenzie di ricerca lavoro, anche interinale, stilano una classifica aggiornata delle attività snobbate dai più. Sembra impossibile, nonostante la carenza pazzesca di lavoro, eppure è proprio così. In alcuni settori la fatica per trovare lavoratori è enorme.

Lavori discretamente pagati

Non si creda che la colpa sia nello stipendio.
Mediamente non sono attività dove la posizione entry level è quella di dirigente, come è naturale, ma nella quasi totalità dei casi viene offerto un comune, e dignitosissimo, contratto a tempo indeterminato.
In altri casi l’attività è svolta come Free Lance, ma anche in questo caso il ricavo non è male, specialmente pensando alle nuove Micro Imprese aperte nel Regime dei Minimi,che permettono di pagare tasse inizialmente molto basse, e di non farsi recapitare le “bastonate” dell’INPS almeno per i primi anni di attività (scriveteci per avere informazioni, e per un affiancamento nell’apertura della vostra micro impresa ad associazione@lolligroup.com: la nostra Associazione AFLAMI – ASASCA si occupa anche di questo, nella massima trasparenza)

Per non rimanere disoccupati, provate dunque a leggere questa lista

Di frequente vedrete come in questi lavori non servano titoli di studio molto alti. Non serve l’Università, ma disponibilità alla fatica e tanta, tanta voglia di fare.
 

Panettiere

Questa attività è sempre al primo posto, in ogni classifica, ogni anno. Nessuno sembra volersi alzare di notte per iniziare a impastare pagnotte e cornetti, nonostante l’ottimo stipendio per i più. Ancora meglio l’attività funziona nei piccoli centri, dove il panettiere, spesso uno solo per centinaia o migliaia di abitanti (rientro adesso da un piccolo paese in Oltrepò, dove la situazione è proprio questa, il panettiere è unico e la coda è interminabile, senza contare le consegne a domicilio con il furgone), ha sempre da fare.

Qui non si tratta di soldi, si tratta di fatica. Certo bisogna imparare, non ci si può improvvisare, ma molto spesso il panettiere più anziano sarà ben felice di insegnare i trucchi alle nuove leve, anche se queste avranno più di 40 anni, e non più di “primo pelo”. Date un’occhiata alle solite riviste e portali online, vedrete quante offerte ci sono. E’ comunque importantissimo darsi da fare per raggiungere il massimo della qualità, e non si può fare il pane buttato là a caso. Deve essere un prodotto, come la pizza, focaccia e i dolci, che il panettiere ama nei dettagli, e che ama sia al top.

Una possibilità, per chi abbia già esperienza, potrebbe essere quella di aprire un negozio di pasta fresca o una pasticceria. Ne riparleremo nelle nostre guide.
 

Falegname

Un lavoro pesante e faticoso, e anche molto pericoloso, nonostante le nuove norme sulla sicurezza che, negli ultimi anni, evitano che sia tanto semplice tagliarsi di netto una mano, invece di una trave di legno.

Si tratta di una attività che non si può certo improvvisare, e, nonostante le lamentele di chi non trova collaboratori, sono pochissimi i falegnami che si prestano davvero a insegnare trucchi e segreti.

Abbiamo completato un test, e si è visto come l’unica occasione, perlomeno a Roma, in cui si è ricevuta una vera formazione, è stato durante un corso a pagamento. In tutti gli altri casi i corsi non iniziavano mai, per impegni del falegname, perchè il numero degli allievi non era congruo, e per colpa di mille altre scuse. Quindi è vero che il lavoro sta scomparendo, ma è davvero difficile trovare qualcuno che vi possa insegnare. Se siete tanto fortunati, e vi piacerebbe modellare uno dei materiali più nobili e antichi, non perdete l’occasione.

 

Meccanico

Tutti hanno una o più automobili in famiglia, e l’assistenza per il mezzo è assolutamente necessaria. Potete occuparvi inizialmente di attività meno complesse per arrivare, via via, a restaurare completamente mezzi di altissimo valore. Avete seguito le molte trasmissioni televisive che parlano proprio del recupero di auto vecchie o con qualche piccolo problema.
Un’officina completa può offrire ogni genere di servizio per l’auto, in alcuni casi anche la carrozzeria. Sicuramente il servizio di revisione, gomme, tagliandi. Puoi inserirti in un settore di sicuro successo. E se hai paura di sporcarti le mani… metti i guanti.
Vai direttamente nell’officina vicino a casa, e in quelle nei dintorni, e dai la tua disponibilità.
 

Estetista

Non si tratta più di una novità, ma è sempre molto richiesta. Ci sono estetiste anche porta a porta, che integrano i normali servizi con massaggi e solarium, come con trattamenti curativi.
Soprattutto ricorda che non è più un settore dedicato alle sole donne, ma ci sono una miriade di palestrati gonfioloni che non rinunciano a una ceretta completa, per mettere in evidenza il frutto di tanta fatica e sudore, a vantaggio delle (lo si spera per loro) fan da spiaggia.
La concorrenza, specie negli ultimi anni, è molto alta. L’unico modo per evitare una battaglia di prezzi è puntare sulla qualità.
Spesso, in questo settore, troverai centri che affittano una parte della loro area, la classica “cabina”. Sperando che il centro sia sufficientemente attraente e piacevole per i clienti, questa è una soluzione a basso prezzo per iniziare senza grandi investimenti.
 

Cuoco

Inutile citare le trasmissioni e i blog che parlano di cucina. Sembra sia diventata ormai la moda ultima, e soprattutto unica.
Trascurando gli chef da stelle Michelin, potrete facilmente trovare un posto come cuoco o aiuto cuoco, anche con un’esperienza minima.
Perchè i molti snobbano questa attività, e le richieste sono sempre presenti su tutti i portali di offerte lavoro? Si tratta di un lavoro duro, faticoso, che obbliga a stare sempre in piedi e a gestire momenti di assoluto panico, specialmente se il ristorante ha molti coperti ed è frequentato.
Il lavoro non finisce quando se ne va l’ultimo avventore, ma dovrete rimanere a pulire, e la mattina dopo arrivare molto prima degli altri per iniziare a preparare la linea.
Può dare molte soddisfazioni, e – superata la fase iniziale e convinto il proprietario che di voi ci si possa fidare – lo stipendio aumenta con il tempo, e di pari passo alla vostra capacità e competenza. Un minimo di passione è necessaria, altrimenti vi chiederete dopo poco “ma chi me lo ha fatto fare?”.
 

SEO – Esperto di Advertising sul web, ottimizzatore dei contenuti web

Un lavoro nuovo, nato con lo sviluppo del web. E’ importantissimo sapere scrivere, e per sapere scrivere non è necessaria l’università, anche se per questo lavoro una laurea in Comunicazione o similare può dare molti vantaggi.
Anche in questo caso si trovano molte possibilità come Free Lance, anche se non mancano le aziende che vogliono una persona fissa al loro interno, specie se strutturate.
La scelta migliore, potendo, è la prima, altrimenti vi troverete ben presto a scontrare la vostra professionalità ed esperienza con le presunte competenze del CEO di turno, esperto tuttologo. Informatevi online, guardate siti web dove si propongono lavoratori simili da tutto il mondo, primo fra tutti Fiverr.
 

Camionista

Anche in questo caso la passione è necessaria. Si tratta di guidare per 8/9 ore al giorno, e in molti casi di stare lontano da casa per parecchio tempo, senza poter vedere la famiglia.
Lo stipendio dipende dalle tratte, più siete disposti ad andare lontano, e a stare fuori, più guadagnerete. Intorno ai 2000 € netti sono il giusto compenso per la maggior parte di questi professionisti.
Per essere in regola, però, dovrete prima investire in un corso per la patente necessaria, per il certificato di abilitazione professionale, con costi di qualche migliaio di euro.
Difficile che l’azienda investa e paghi per voi l’intero percorso di abilitazione. Un lavoro che non manca, per ora, anche se si vorrebbe spostare molto del trasporto merci su ferrovia.
 

OSS – Operatore Socio Sanitario

Professione recente, si tratta della persona che si dedica all’aiuto di pazienti in Ospedali o altre strutture private, di anziani, ma che può lavorare anche privatamente. La richiesta da parte delle strutture è molto alta, difficile non trovare occupazione in breve. Spesso assumono le cooperative, che a loro volta hanno vinto l’appalto nella struttura ospedaliera. Il percorso di studi è indispensabile.
Non si tratta di una laurea, ma di un corso formativo a carico della regione per i disoccupati. Due anni e avrai il diploma per un ottimo lavoro.
 

Impresario di pompe funebri

Un lavoro che non conosce, ovviamente, crisi. E’ necessario un po’ di pelo sullo stomaco per il contatto quotidiano con lutti e sofferenze, ma i più raccontano che dopo un certo periodo subentri l’abitudine.
E’ necessario sapersi vendere bene, avere un ottimo giro di conoscenze in strutture private e pubbliche. Non potete pensare di attendere i “clienti” nel negozio. Normalmente il ricarico è piuttosto alto, specialmente quando si aggiungono servizi extra al semplice funerale.
 

Lavorare o aprire un vivaio di piante

Uno sbocco per chi ama la natura e la terra, ancora più congruo se ha scelto un percorso di studi in agraria. Si tratta anche in questo caso di un lavoro abbastanza faticoso, e spesso poco pagato come dipendente o collaboratore. Lo scopo potrebbe essere quello di imparare a sufficienza, per poi aprire un vivaio personale.
I vivai offrono anche servizi esterni, e gli stessi clienti chiedono interventi per giardini, balconi, ville e spazi privati. Un pizzico di capacità, qualche iniziale strumento per il lavoro, un furgoncino anche molto usato, ed ecco completato l’elenco di servizi a disposizione della clientela.
 

Scrittore di manualistica

Ci sono richieste per settori molto specifici, ma anche per quelli estremamente generici. In qualche caso si chiede la recensione di un software o serve un manuale per l’utilizzo di un sito web.
Importante saper scrivere bene, avere un’ottima capacità di sintesi, conoscere il settore cui ci si dedica almeno per sommi capi.
Spesso si viene pagati a numero di parole, o pagine prodotte. Quasi sempre vi chiederanno alcune pagine di test, per vedere come scrivete. Tenete a portata di mano, in una cartella, alcuni vostri articoli, trasformati in PDF.
 

Cameriere

Come il cuoco, è un lavoro sempre molto richiesto. Anche chi non esce da una scuola alberghiera ci può provare, non è poi così impossibile, specialmente partendo da ristoranti o bar non enormi. Non servono gli studi, ma la passione per il contatto con il pubblico. Serve un bel sorriso da sfoggiare anche quando siete arrabbiati per i fatti vostri, e un costante buon umore.
E’ un lavoro che può servire anche per arrotondare, si può ad esempio dare la propria disponibilità solo in occasione di per banchetti, matrimoni, catering.
 

Infine…

Non tutti questi lavori sono fattibili immediatamente. Più spesso è necessario, se non un percorso di studi, almeno la pratica con un insegnante qualificato.
Il percorso in alcuni casi è piuttosto lungo, almeno per ottenere l’indipendenza e le capacità per lavorare in autonomia (pensiamo al falegname), mentre per altri lavori è molto più rapido e semplice.
Lo stipendio è spesso sicuro, la concorrenza il più delle volte è nulla.
Indispensabile – sempre – la buona volontà, e la voglia di fare. E’ questa che sembra mancare, sia nei giovani che, ahimè, negli Over 40.

Forse potresti leggere anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.